Skip to content

AMBERLIGHTSOCIETY.INFO

Amberlight Society

CONDENSATORE CACCIAVITE SCARICA


    Contents
  1. Come testare un condensatore con un multimetro
  2. Note per la ricerca dei guasti e la riparazione di forni a microonde
  3. Note per la ricerca dei guasti e la riparazione di monitor video e per computer
  4. Domanda su condensatore [Archivio] - Hardware Upgrade Forum

Nell'estrazione di un condensatore dal circuito lo estraete con qualche pinza . Intendi mettere in corto col cacciavite? so che è una pratica. Come Scaricare un Condensatore. I condensatori si trovano in moltissimi dispositivi elettrici e parti di apparecchiature elettroniche. Essi immagazzinano. Ricordiamo che i condensatori di grande e media capacità, quando sono carichi, alla loro completa scarica, cortocircuitandone i terminali con un cacciavite, 6 - Il processo di carica e scarica, di un condensatore elettrolitico, si sviluppa più. come faccio a scaricare un condensatore di v capacita' 1uf? viene consigliato di il condensatore lo scarichi con il cacciavite ed amen (ma non e' una. CONDENSATORE CACCIAVITE SCARICA - Ebbene la procedura di collaudo dell'alimentatore prevedeva una serie di misure e prove tutte elencate e da.

Nome: condensatore cacciavite
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file:12.37 Megabytes

CONDENSATORE CACCIAVITE SCARICA

Costruzione Come testare un condensatore con un multimetro Do il benvenuto a tutti gli amici e lettori del sito "Elettricista in casa". Penso che tutti sappiano cos'è un condensatore. Se qualcuno non ha visto questo elemento di chip, allora l'ha esattamente ascoltato.

La causa più comune di un malfunzionamento nell'elettronica radio è il danno a questo particolare elemento. Per determinare quale tipo di condensatore nel circuito è andato fuori ordine devono essere controllati per l'operabilità. Ed è auspicabile farlo con l'aiuto di dispositivi elettronici, come l'ispezione visiva non dà una conclusione sul malfunzionamento.

Dotarsi di lente di ingrandimento e di mani calde..

Come testare un condensatore con un multimetro

Le operazioni principali di smontaggio ovviamente le lascio a voi , ma sottolineo alcuni atteggiamenti spesso scorretti che si vedono adottare e che possono compromettere il lavoro fatto.

Le viti vanno svitate con delicatezza e soprattutto vanno tenute presente le "coppie di serraggio". Alcuni "modi di operare" potrebbero venirvi incontro. Il cacciavite dovrà avere il manico più sottile possibile o addirittura potete pensare di prendere direttamente il fusto metallico per svitare la vite. In questo modo , lo sforzo che dovrete fare è molto più grande e il momento torcente , sarà quello reale non moltiplicato dal braccio della leva del cacciavite. La sensazione di forza sarà tale che potrete sentire "quanto è stretta la vite".

In foto trovate schema elettrico e circuito stampato: Sullo schema in rosso sono segnati i componenti ricavati dalla macchina fotografica. Questo condensatore funge anche da limitatore di tensione, in quanto raggiunta la sua soglia dei V il dielettrico inizia a scaricare. Ipotizzando che il quel momento un eventuale malcapitato fosse in contatto con entrambi gli elettrodi di uscita riceverebbe tutti i V caricati sul condensatore.

La scarica è di durata estremamente ridotta frazioni di secondo ma molto dolorosa. Scaricandosi completamente il condensatore da V sul malcapitato il triac torna in interdizione ed il ciclo di carica ricomincia. Psicologicamente parlando è più deleterio una serie di scariche di media potenza intervallate da delle pause che una continua di elevata potenza.

Se ho capito bene nei periodi di pausa il pensiero che a breve si avvertirà un forte dolore è molto demotivante. Per esempio, per un condensatore da Volt, utilizzate una resistenza il cui valore sia compreso tra 20KK.

In un televisore o un monitor, se state rimuovendo il collegamento di alta tensione al cinescopio per esempio per sostituire il trasformatore di riga , scaricate per prima cosa il contatto del cinescopio situato sotto la coppetta isolante all'estremità dello spesso cavo rosso. Utilizzate un resistore del valore compreso tra 1 MOhm e 10 MOhm, potenza 1 Watt o superiore, sorreggendolo dalla punta di un bastoncino isolante o dalla sonda di un voltmetro per alta tensione.

Scaricate il contatto sul frame metallico che è connesso alla parte esterna del cinescopio. Per i televisori ed i monitor in particolare, esiste l'ulteriore rischio di implosione del tubo a raggi catodici; fate attenzione a non battere la superficie del tubo con i vostri strumenti. Un'implosione spargerà schegge di vetro ad alta velocità in ogni direzione.

C'è una forza di svariate tonnellate che tenta di frantumare un tipico tubo a raggi catodici. Indossate sempre una protezione per gli occhi. Utilizzate puntali con pinzette a coccodrillo o saldate temporanemente dei cavetti per le misurazioni da effettuare in posti stretti o poco accessibili. Se dovete necessariamente effettuare le misurazioni mentre l'apparecchio è in funzione, coprite completamente i puntali con del nastro isolante, tranne qualche millimetro all'estremità, allo scopo di evitare la possibilità di un cortocircuito accidentale che potrebbe danneggiare svariati componenti.

Collegate con una pinzetta la massa del tester o dell'oscilloscopio al punto di massa appropriato, in modo tale che tutte le misurazioni potranno essere condotte con una sola mano. Eseguite il maggior numero di misurazioni possibili con l'apparecchio spento e scollegato dalla rete.

Per esempio, eventuali cortocircuiti presenti nei semiconduttori della sezione di alimentazione di un televisore o di un monitor possono essere scoperti con un ohmmetro. Utilizzate un trasformatore di isolamento nel caso durante la riparazione ci sia un qualche rischio di venire a contatto con le parti del circuito connesse alla rete. Attenzione, un Variac tm non è un trasformatore di isolamento! L'utilizzo di una presa di corrente protetta da un interruttore differenziale il noto "salvavita" rappresenta una buona idea, ma non è comunque in grado di proteggervi dalla scosse che potreste ricevere da un televisore o un monitor connessi alla rete elettrica, o le parti ad alta tensione di un forno a microonde, per esempio.

Note per la ricerca dei guasti e la riparazione di forni a microonde

Si noti che comunque un inerruttore differenziale potrebbe scattare senza alcun motivo all'accensione degli apparecchi o in modo casuale a causa di perdite di isolamento provocate ad esempio dalla massa della sonda del vostro oscilloscopio o delle caratteristiche di ingresso altamente capacitive o induttive degli apparecchi alimentati dalla rete elettrica. Un fusibile o un disgiuntore sono troppo lenti ed insensibili per garantire protezione per voi ed in molti casi anche per il vostro apparecchio; un interruttore differenziale ad ogni modo potrebbe risultare utile per salvare il cavo di massa della sonda dell'oscilloscopio se questo dovesse accidentalmente toccare uno chassis soggetto a tensione di rete.

Non mettetevi al lavoro quando siete stanchi. Non solo farete le cose con minore attenzione, ma il vostro principale strumento di diagnosi, il ragionamento deduttivo, non funzionerà al massimo delle proprie capacità.

Infine, non date niente per scontato senza aver prima controllato personalmente! Non prendete scorciatoie! Non crediate subito che il vostro problema sia una qualche combinazione di guasti esoterici e complessi.

Note per la ricerca dei guasti e la riparazione di monitor video e per computer

Nel caso di un monitor, potrebbe semplicemente trattarsi di una cattiva connessione o di un fusibile bruciato. Mettetevi in testa che i problemi con il più catastrofico impatto sul funzionamento per esempio un monitor del tutto inerte di solito sono i più semplici da sistemare.

Il tipo di problemi che vorremmo evitare a tutti i costi sono quelli intermittenti o difficili da riprodurre: un tremolio occasionale o un monitor che brucia il suo transistor di uscita orizzontale ogni sei mesi.

Se arrivate ad un punto morto, dormiteci su. Evitate di lavorare quando siete davvero stanchi, è pericoloso e soprattutto improduttivo o forse addirittura distruttivo.

Ogniqualvolta lavorate su apparecchi di precisione, prendete nota della disposizione dei componenti e disegnate degli schizzi; sono cose che risulteranno infinitamente utili quando sarà ora di rimontare l'apparecchio.

Viti apparentemente identiche potrebbero risultare di lunghezza differente o avere un tipo di filettatura diversa; componenti minuscoli potrebbero essere inseriti in più di un posto o con orientamenti differenti, ecc. Bottigliette di pillole vuote, contenitori per pellicole fotografiche, e contenitori in plastica per cubetti di ghiaccio sono tutti oggetti che ritornano utili per ordinare e conservare le viti ed altri piccoli componenti dopo lo smontaggio.

Scegliete un'area di lavoro ben illuminata e dove sia possibile localizzare facilmente eventuali componenti che cadono per terra, quindi lontano da eventuali tappeti ricoperti con folto pelo. La collocazione ideale dovrebbe inoltre essere relativamente non polverosa e permettervi di sospendere le vostre sessioni di lavoro per mangiare e dormire, senza dover essere costretti ogni volta ad ammucchiare i pezzi dell'apparecchio sotto torchio dentro una scatola di cartone.

Un altro punto da tenere in considerazione è la ESD Electro-Static-Discharge , cioè la scarica delle cariche elettrostatiche. Alcuni componenti montati nei monitor come i circuiti integrati possono essere facilmente danneggiati dalle scariche elettrostatiche.

Non è necessario esagerare con le precauzioni, ma è sufficiente prendere l'abitudine di toccare una parte collegata alla massa, come ad esempio lo chassis in metallo, prima di toccare un qualunque componente del circuito. Nella prima forma, lo scarico dai condensatori arriva direttamente alla superficie metallica. Il tipo di trasformatore di saldatura del condensatore consiste nello scarico dal condensatore all'avvolgimento del trasformatore e dal suo avvolgimento secondario entra nella zona di saldatura.

Questo tipo di saldatura espande le possibilità di regolazione del processo. La tensione di scarica raggiunge 1 kV, mentre nell'avvolgimento secondario viene raggiunta una corrente di saldatura fino a 6 kA, che viene fornita fino a 0, s.

Torna al sommario Il principio della saldatura a punti Il design di trasformatori per la saldatura a punti. Il tipo più comune di saldatura dei condensatori domestici è la saldatura a punti del tipo di trasformatore. Il principio di base della saldatura a punti è che i pezzi saldati, che sono combinati nella posizione desiderata, sono bloccati tra due elettrodi, a cui viene fornita una corrente di saldatura a breve termine di una grande ampiezza.

Domanda su condensatore [Archivio] - Hardware Upgrade Forum

L'arco elettrico formato tra gli elettrodi fonde il metallo dei pezzi in lavorazione nella zona con un diametro di mm, che porta alla loro connessione. L'azione dell'impulso di saldatura è fornita per 0,,1 s, che assicura la formazione di un nucleo fuso comune a entrambi i metalli saldati. Dopo aver rimosso l'impulso di corrente, un carico di spremitura continua ad agire sui pezzi in lavorazione, il che garantisce la formazione di una saldatura comune.

Limitare la zona di fusione dei metalli è ottenuto dal fatto che al momento dell'impulso, i metalli erano in contatto tra loro, fornendo un dissipatore di calore. La corrente di saldatura impulso viene fornita agli elettrodi dall'avvolgimento secondario, dove viene fornita una corrente elevata a bassa tensione. Un impulso viene generato all'avvolgimento primario quando un condensatore o un blocco di condensatori viene scaricato.

Nel condensatore stesso, la carica si accumula nel periodo tra l'erogazione di impulsi agli elettrodi, vale a dire la carica del condensatore avviene mentre gli elettrodi vengono spostati in un altro punto per la saldatura. Lo scopo di tale saldatura è esteso per tipo di materiale. Risultati particolarmente buoni si ottengono quando si saldano metalli non ferrosi, inclusi rame e alluminio. Lo spessore dei fogli saldati è una limitazione significativa - fino a 1,5 mm.

Ma la saldatura a punti si è dimostrata perfettamente nel caso in cui si fissassero sottili strisce di filo metallico a qualsiasi struttura massiccia. Allo stesso tempo, i materiali che vengono uniti possono essere eterogenei. Torna al sommario Requisiti per la saldatura di condensatori Tipi di saldatura a resistenza: a - testa a testa; b - punto; in - rullo; 1 - cordone di saldatura; 2 - elettrodo; 3 - parti saldate; 4 - piastra mobile con parte mobile; 5 - trasformatore di saldatura; 6 - piastra fissa.

Affinché la saldatura a punti del condensatore con le proprie mani sia di alta qualità, è necessario soddisfare alcune condizioni. È necessario fornire un impulso breve fino a 0,1 se un successivo accumulo di energia dalla rete per un nuovo impulso in un tempo molto breve. La pressione degli elettrodi sulle parti da saldare nel momento in cui viene applicato l'impulso di saldatura dovrebbe assicurare un contatto affidabile tra di loro.

La decompressione degli elettrodi deve essere eseguita con un ritardo affinché la fusione si raffreddi sotto pressione, il che migliora la modalità di cristallizzazione del metallo nella saldatura. Come elettrodi per la saldatura a punti, gli elettrodi di rame sono i più comuni.